COMUNICATO AUC

auc

In merito al provvedimento di giocare a porte chiuse la partita del campionato di serie A Milan Udinese di sabato 19 Ottobre 2013, l’Associazione Udinese Club esprimo tutto il proprio dissenso per tale decisione.

Non essendo stati presenti allo Juventus Stadium di Torino domenica 06 ottobre, e quindi non potendo aver sentito gli eventuali cori causa di tale provvedimento, non entriamo nel merito della decisione assunta dal Giudice Sportivo, ma dissentiamo fermamente dal metodo adottato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio della chiusura totale o parziale di uno Stadio di calcio per combattere fenomeni di razzismo o discriminazione territoriale.

Fermo restando che la nostra Associazione ha da sempre sostenuto il tifo pro e mai contro, troviamo assurdo ed ineducativo tale metodo, in quanto va a colpire la stragrande maggioranza dei Tifosi, che nulla centrano con il razzismo e che sono la vera parte sana del Calcio.

Riteniamo che l’unica via per eliminare il razzismo e la violenza dagli Stadi sia l’educazione delle nuove generazioni di Tifosi, attraverso l’esempio di noi adulti, indipendentemente dal nostro ruolo di Tifosi o Genitori, Calciatori o Giornalisti, Dirigenti o Politici.

Auspichiamo un immediato ripensamento da parte degli organo sportivi, per permettere a chi lo desidera di vedere dal vivo la partita Milan Udinese, che possa essere una festa di sport ed uno spettacolo da godere dagli amanti del calcio e dai tifosi di entrambe le squadre.

ASSOCIAZIONE UDINESE CLUB

IL PRESIDENTE

EDY MORANDINI. 

Comments

comments

Comments are closed.