…INIZIA IL ”RITORNO”…AL FUTURO…

Dopo la maratona di ieri sera, conclusasi con l’immeritata eliminazione, dopo i calci di rigore, dagli ottavi di finale di Coppa Italia, in favore del Napoli, e’ gia’ tempo di rituffarsi nel campionato che lunedi’ sera, con la gara in trasferta ad Empoli, iniziera’ la sua parte discendente. Con rammarico abbiamo girato solo a quota 24 perche’ per l’ennesima volta abbiamo subito una rete, determinante ai fini del risultato, a tempo scaduto. Questa e’ una costante che si e’ ripetuta troppo spesso, sia sul finire della prima frazione di gioco, che allo scadere dei novanta minuti.  

E’ un peccato perche’ fossimo riusciti, esclusivamente con Cesena ed appunto Cagliari a portare a casa l’intera posta, la classifica avrebbe assunto tutt’altro significato, ma non va altresi’ dimenticato che ben 13 dei 24 punti in cascina sono giunti nelle prime 6 gare e quindi la media delle restanti partite e’ stata, purtroppo, da “retrocessione”. Tutto questo conferma che la squadra con la sua giovane eta’ e le sue intermittenze, e’ un cantiere proiettato verso il futuro, proprio come il suo stadio ed anche le ultime notizie su Di Natale confermano che stiamo per giungere ad un cambio generazionale, visti anche i piu’ che discreti interpreti del San Paolo.  

Non sono solito accampare scuse, ma un altro dato che voglio rimarcare e’ che, e’ un bel dire che gli episodi arbitrali a favore o contrari a fine anno si equivalgono e quindi possiamo ritenerci piu’ che a posto per il ritorno, ma la quasi sistematica e chirurgica coincidenza con la quale si avvantaggia il piu’ forte, anche ieri sera si e’ materializzata. Dispiace, inoltre, che molti dei penalty subiti, potevano essere sia evitati con una maggiore attenzione sia con una diversa interpretazione del direttore di gara, perche’ nessuno di essi era veramente “solare”. Ricordiamo ancora che al momento la squadra di Mr Stramaccioni e’ rimasta l’unica, assieme al Chievo, a non aver ancora usufruito di una massima punizione.  

Sicuramente, l’Udinese di coppa mi e’ piaciuta maggiormente, rispetto a quella di domenica scorsa e questo lascia ben sperare perche’ il prossimo turno ci contrapporra’ ad un organizzatissimo Empoli, capace recentemente di dare filo da torcere sia all’ Inter, in campionato, che alla Roma, in Coppa Italia, uscendo anch’esso tra gli applausi e sconfitto solamente da un rigore regalato nei tempi supplementari dall’arbitro Di Bello, lo stesso che ha sanzionato senza il minimo dubbio il fallo di mano di Heurtaux nei minuti di recupero contro i sardi.  

All’andata, il risultato fu favorevole ai bianconeri, che con un doppietta di Toto’ nella ripresa, ebbero ragione dei toscani che forse pagarono oltre modo lo scotto del della prima gara dopo il ritorno nella massima serie. Anche allora gli uomini di Mr Sarri fornirono un prova ordinata, soprattutto nella prima frazione, e comunque poi dovettero arrendersi alle due reti del nostro numero 10, la prima dopo un ottimo scambio al limite dell’area con Muriel, la seconda approfittando di un maldestro retropassaggio di un giocatore empolese che spalanco’ la porta avversaria al nostro capitano. Auspico una partita dove i nostri possano confermarsi pimpanti e propositivi per giocarsela fino alla fine. Un risultato di parita’ potrebbe accontentare entrambe le contendenti perche’ stiamo per arrivare al momento della stagione, dove anche i piccoli passi possono alla lunga diventare determinanti. L’Empoli, infatti, con i suoi 19 punti ha un margine di appena 3 lunghezze sul Cagliari terzultimo.  

Un saluto a Tutti e…FORZA UDINESE!!!  

 

Paolo Matrecano

 

Comments

comments

Comments are closed.