MOTIVAZIONI E RICORDI

Dopo il bel pareggio per 1 a 1 ottenuto domenica scorsa contro la rivelazione Atalanta; il calendario propone per domani la trasferta di Crotone dove l’Udinese andra’ ad affrontare la neopromossa calabrese che nutre, anche in virtù degli ultimi risultati ottenuti, ancora qualche chanches di salvezza in una lotta che oramai la vede coinvolta solo al pari di Empoli e Genoa. Al “mitico” Scida farà molto caldo perché gli uomini di Mr Nicola vorranno assolutamente accaparrarsi l’intera posta in palio sia per allungare la propria serie positiva sia per, nella speranza di qualche passo falso delle dirette avversarie, alimentare ulteriormente il sogno di permanenza nella massima serie che sembrava mera utopia non più tardi di un mese e mezzo fa. Personalmente penso che difficilmente i rossoblu riusciranno ad evitare la retrocessione nella cadetteria perché, nonostante il recente ruolino di marcia a passo “europeo”, i prossimi due incontri li vedranno prima in trasferta allo Juventus Stadium e poi chiudere in casa contro la Lazio. Questo per sottolineare una volta di più che per loro la madre di tutte le partite resta appunto quella di domani contro gli uomini di Mr Delneri.

Dal canto loro i bianconeri stanno comunque inseguendo il loro personale obiettivo, sicuramente meno “vitale”; cioè quello di raggiungere la decima posizione oggi ad appannaggio della Sampdoria, prossimo ospite al Friuli Dacia Arena e che in graduatoria vanta due soli punti in più. Rispetto al match di domenica scorsa lo schieramento dei bianconeri dovrebbe vedere una conferma di ben nove degli undici che ben si sono comportati  al cospetto degli orobici; e le uniche novità dovrebbero riguardare il ruolo del portiere, dove Scuffet rileverà l’infortunato Karnezis ed il centrocampo, dove il belga Kums dovrebbe prendere il posto dello squalificato Hallfredsson. Messa così quindi, dovrebbe essere confermata la fiducia al giovane croato Balic che, assieme al suo connazionale Perica, e’ risultato tra i più positivi dell’ultima gara. Ora penso che la scellerata prova di Bologna non possa essere ripetuta dai nostri e quindi auspico, nonostante la “fame” dell’avversario, un risultato positivo anche per trasformare poi Udinese-Sampdoria in una sorta di “spareggio” che ci riporti indietro nel tempo (non molto); cioe’ quando questa gara valeva un pass per l’Europa.


Paolo Matrecano

Comments

comments

Comments are closed.